Processione del Venerdì Santo

La Processione del Cristo morto è una tradizionale manifestazione religiosa eugubina molto suggestiva.

Descrizione

Ogni venerdì santo, dal XIII secolo, lungo le vie di Gubbio sfila una processione pregna di sacralità. Alla luce di falò e fiaccole, al suono di un antichissimo canto in latino, il Miserere, che si è tramandato per secoli oralmente, al ritmo delle preghiere e del suono cupo dei penitenti con le caratteristiche battistrangole e il rumore dei passi lenti sul selciato, si richiama alla penitenza, alla purificazione e alla redenzione. La processione del venerdì santo di Gubbio rievoca i simboli della passione che sfilano portati da uomini in saio e incappucciati: sono il teschio che rappresenta il Golgota, l’uomo con la croce, altri uomini con croci, il calice, i 40 denari, la corda, la colonna, il gallo, i flagelli, la corona di spine, la scritta Inri, il velo della Veronica, il sudario, i chiodi, il martello, la spugna, la lancia, i vestiti di Gesù, i dadi, la scala, le tenaglie. Questi simboli sono proceduti dagli uomini della confraternita che recano in mano il battistrangole, uno strumento in ferro che, scosso, determina un suono lugubre e sordo e richiama la popolazione alla processione e alla sua sacralità. Seguono le statue del Cristo Morto e della Madonna Addolorata, entrambe preziose statue lignee, la prima si presume cinquecentesca, la seconda ottocentesca. Sono trasportate da uomini che indossano saio bianco con cappa nera (statua del Cristo) e saio bianco con cappa blu (statua della Madonna). Tutti i luoghi più significativi della storia di Gubbio sono raggiunti dal corteo: dal pietrone, antichissima pietra sacrificale che indica le origini pre-romane di Gubbio, ai conventi cittadini, all’ospedale, attraversando le vie del centro storico. In piazza San Pietro, Via Dante e Largo San Marziale sono accesi i fuochi e i bracieri. L’attenzione, il coinvolgimento con cui viene seguita la processione dai presenti determina una forte solennità e suggestione. di Chiara Zirino

Informazioni

Non possediamo informazioni di contatto

Lascia un commento

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Pin It on Pinterest

Shares
Share This