La città di Caltagirone conosciuta anche come "città dei presepi" ogni anno fa rivivere la tradizione del presepe in tutte le vie del pese ospitando una delle migliori mostre di presepi di tutta l'isola.

La città di Caltagirone oltre ad essere conosciuta come la città delle ceramiche, è anche detta la Città dei Presepi. I presepi di Caltagirone hanno una storia antichissima e sono sicuramente tra i presepi più belli della Sicilia.

La città fin dal ‘500 è una delle maggiori produttrici di ceramiche di tutta l’isola, ed proprio dall’artigianalità e la sapienza dei mastri ceramisti che
si avvia in questo periodo la tradizione, oggi ancora viva, dei presepi di terracotta. Una tradizione che si è andata sempre più perfezionando nei secoli, soprattutto grazie allo sviluppo delle Botteghe di artisti che con le loro abilità sono riusciti a migliorare e differenziare le statuine del presepe di Caltagirone rispetto ad altre scuole artigiane. Ed proprio tra la fine del 700 e la prima metà dell’800 che viene riconosciuta la migliore produzione qualitativa dei presepi in terracotta, grazie alle opere della bottega dei fratelli Giuseppe e Giacomo Bongiovanni.

Ciononostante già agli inizi del ‘700 a Caltagirone operavano artigiani molto rinomati, come i “santari” Branciforti e Margioglio che contribuirono ad imporre Caltagirone come “Città del presepe”. Più in generale nell’intero territorio isolano ebbe grande diffusione a partire dal ‘600, il presepe costruito con la tecnica usata nella produzione di statue d’altare: statuine in legno rivestite di stoffe immerse in un bagno di colla per renderle rigide e dai colori brillanti. Tra i più noti presepisti del genere il caposcuola Salvatore Matera, il Nolfo, il Ciotta, i Pisciotta e i Tipa.

I presepi di Natale di Caltagirone

Ogni anno tra la fine novembre sino ai primi giorni di Gennaio si rinnova a Caltagirone la tradizione con i presepi di Natale. Le vie del paese si animano per regalarvi un viaggio tra musei, mostre, degustazioni di prodotti tipici e mercatini di Natale.

Tra le molte attrazione un posto di rilievo lo ha senza dubbio il presepe più grande d’Italia, con un allestimento di oltre 400 mq e ben 300 personaggi interamente realizzati in terracotta. Altrettanto suggestivo è la collezione dei presepi del mondo con una collezione che contiene pezzi provenienti da 30 paesi del mondo, che quest’anno è stata arricchita con oltre 500 pezzi.

Come abbiamo detto sopra Caltagiorene è detta anche “città dei presepi” proprio perché si possono ammirare moltissime realizzazione presepiali come:

  • l’adorazione dei pastori”, in stile ebraico con statue da 50 cm, circondate da una maestosa ed incantevole scenografia;
  • “I presepi da viaggio”, testimonianze di ricordi del viaggiatore;
  • “Il presepe popolare calatino”, grande rappresentazione delle usanze e dei costumi calatini del primo ‘900;
  • I presepi di Matera, originali sculture di tufo realizzati da vari artisti della città;
  • Il più bel presepe barocco di Caltagirone;
  • Il Presepe di pane e i suoi elementi;
  • Il Presepe dell’artista Felice Bruno Fiorentino;
  • Il Presepe “Guardando il cielo”, che si vede solo alzando la testa;
  • Il Presepe più piccolo del mondo con figurine da 1 millimetro visibile solo con lente d’ingrandimento;
  • Il Presepe di sale;
  • Il Presepe di Pasta;
  • Il Presepe siciliano;
  • Il Presepe storico ebraico con l’editto di Cesare Augusto;
  • Il Presepe biblico animato in terracotta e stoffa;
  • Il Presepe napoletano con stoffe originali del XVII sec.;
  • Il Presepe di terracotta e pietra lavica con figure di 60 cm.;
  • La Raccolta di Bambinelli del XVII sec.;
  • Il Presepe “Caltagirone in miniatura”, con i monumenti principali della città riprodotti in scala, Il Presepe di Cotone con fascino lunare;
  • Il Presepe “L’ Adorazione dei Magi ”a grandezza naturale;
  • Il Presepe in bacheca con 50 figurine di terracotta;
  • Il Presepe nelle carte telefoniche provenienti da i 5 continenti;
  • Il Presepe in bacheca con 50 figurine di terracotta, carta paglia e ulivo.

Caltagirone è sicuramente una meta per tutti gli appassionati e i collezionisti, che esprime tutta la sua storia e la sua tradizione nell’arte della realizzazione dei presepi. Intorno a questa antica arte ruotano molte figure dal presepista, allo scenografo, al figurinaio che riproduce le diverse opere utilizzando l’argilla tanto cara a questo territorio.

Rispetto al presepio tradizionale napoletano quello calatino hanno un ambientazione meno sfarzosa e colorita infatti si rifa alla cultura agro-pastorale di questi territori ed esprime a profonda religiosità che animava il paese, e il profondo legame con un materiale come la terracotta che ha fatto la fortuna di questo paese.

Lascia un commento

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Pin It on Pinterest

Shares
Share This