La notte di Sant’Andria

Una festa popolare di antiche tradizioni pagane legata all'antico culto di Bacco, Dio del Vino, chiamato in sardo Sant'Andria.

Descrizione

Una festa popolare di antiche tradizioni pagane legata all’antico culto di Bacco, Dio del Vino, chiamato in sardo Sant’Andria. Di anno in anno, in questo piccolo centro della Sardegna, i padri e i figli si tramandano l’antica tradizione di svuotare il più possibile delle grandi zucche di forma allungata, intagliarle a forma di volti umani e di inserire una candela all’interno. Una volta costruite le zucche, le legano al collo e una grande processione affolla e illumina le vie del paese al grido di “Sant’Andria Sant’Andria” accompagnato dal suono di campanacci. Si passa per le case e davanti alle porte si raccolgono le offerte: dolci tipici della tradizione sarda, papassassini e letilicche, ma anche noci e frutta secca. Alla fine della questua e della processione le zucche vengono gettate in terra e distrutte. Tutti si riuniscono nella piazza del paese e, fino a notte fonda, vengono distribuite le caldarroste e il vino nuovo.

Informazioni

Comune di Bono Corso Angioy, 2 07011 Bono (SS) Tel. 079.79.16.90 Fax 079.79.01.16

Lascia un commento

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Pin It on Pinterest

Shares
Share This