E rieccola affacciarsi tra le vie del centro paese. Tanto attesa, sul finire di un’estate caldissima, torna l’ormai consueto appuntamento con la “Fiera della Cipolla Bionda”, evento dedicato all’unico presidio Slow Food della provincia di Novara. La manifestazione, organizzata dalla Pro Loco Fontaneto, dal gruppo dei produttori della Cipolla Bionda e dalla nuova Condotta Slow Food delle Colline Novaresi, si svolgerà a Fontaneto d’Agogna per le vie del centro, fra Piazza Unità d’Italia e Piazza S. Rocco.

Confermatissimo il format della manifestazione che tanto successo ha riscosso lo scorso anno: famiglie, curiosi, appassionati e gourmet del territorio troveranno ad attenderli gli stand gastronomici del mangeè d’ straa dove poter gustare piatti e specialità locali, birra artigianale, vini delle Colline Novaresi; non mancheranno inoltre la musica dal vivo, gli artisti di strada e l’animazione per i più piccoli.

L’inaugurazione della fiera è prevista con il tradizionale taglio della bruja, alla presenza dei sindaci di Fontaneto e Cureggio, e delle due maschere allegoriche del paese, il Pajin e la Pajina. E poi via alle numerose novità di quest’anno. Iniziando dalla cucina, i cuochi della Pro Loco Fontaneto proporranno agnolotti, zuppa di cipolle, frütura, cipolle in pastella, miacce, trippa in umido dei Gerbidi, fritaa rugnusa; non mancherà ovviamente l’hamburger di fassona piemontese. Nell’ottica di fare rete e collaborare concretamente per la promozione del territorio, altri gruppi porteranno inoltre le loro specialità: l’Antica Cunsurtarija del Tapulon di Borgomanero proporrà il loro caratteristico tapulone, la Pro Loco di Cureggio fagioli con le cotiche, infine ecco anche i dolci, a cura delle Pro Loco del Quadrante. Il tutto abbinato alla birra artigianale e ai vini delle Colline Novaresi.

Assaggi e degustazioni, ma non solo. La Fiera sarà anche occasione di conoscenza e di incontro. Da quest’anno infatti, in ogni edizione della manifestazione, la Cipolla Bionda incontrerà e ospiterà un altro presidio Slow Food: l’esordio spetterà agli amici del Peperone di Capriglio, che saranno presenti sabato e domenica con un gruppo di produttori allo scopo di raccontarsi e proporre il loro peperone. Durante l’evento saranno infine in vendita salumi e formaggi marchigiani, con ricavato devoluto al progetto “Una scuola per rinascere” in favore della popolazione terremotata di Pieve Torina in provincia di Macerata.

E poi non mancheranno gli spettacoli. Per tutto il weekend saranno presenti i laboratori creativi di Moguwork e delle Principesse Disney, e l’animazione e truccabimbi con Over The Rainbow. Sabato, un’altra grande novità, l’arte: Matteo “Ufocinque” Capobianco dipingerà dal vivo un grande pannello utilizzando varie tecniche tipiche della street-art mescolate con la pittura classica, che renderà omaggio alla “bionda” protagonista del fine settimana e al suo territorio di appartenenza. Sempre sabato sera musica rock dal vivo con Whisky&Romance. Domenica pomeriggio spazio invece al teatro dialettale con l’Associazione Argento Vivo di Cavaglio d’Agogna e con l’Associazione La Nosta Gent di Romagnano Sesia, e al laboratorio creativo di song writing con Casa di Paglia; seguiranno gli spettacoli di giocoleria e le acrobazie di Dimidimitri. In serata musica folk con le Folhas.

Tanti gli ingredienti insomma che accompagneranno una “bionda” dolce come non mai, quest’anno ancor più protagonista dato l’ottimo raccolto che si preannuncia pressoché raddoppiato rispetto allo scorso anno. La Fiera rappresenta dunque l’occasione giusta per fare acquisti, scoprire prodotti della terra a chilometro zero, stare in compagnia e, naturalmente, gustare prelibatezze e specialità locali.