Tradizionale festa con prelibatezze suine: piedini, cotiche e ossi di maiale.

Descrizione

La manifestazione si propone come festa in piazza per riscoprire, in termini culinari, la cultura e le tradizioni del paese. Uccidere il maiale durante il periodo invernale è ancora un ricordo vivo in buona parte della popolazione. Il maiale era ricchezza per la famiglia, significava carne dopo tanta polenta, niente veniva gettato: le ossa, il muso (con le sue sei qualità di carne), la coda, i gelatinosi nervetti, tutto veniva cotto per ore ed ore e servito fumante agli esultanti commensali. Riproporre l’usanza è ritornare a raccontare delle radici, una storia, una cultura. La manifestazione non è partecipata solo da persone nostalgiche e di una certa età; forse la novità, la semplicità, la storia che vive nella festa la rende un momento eccezionale anche per i giovani. Un menu vecchio stile con sampet, grugnin, oreci, polenta e grepole, fagioli con le cotiche, ossi di maiale, coin, cotechino, braciole ma anche il tradizionale risotto alla pilota e costine.

Informazioni

Pro loco di Castel d’Ario Viale Rimembranze, 3 Tel. 0376.660438 http://www.prolococasteldario.it

Lascia un commento

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Pin It on Pinterest

Shares
Share This