La celebrazione religiosa della festa dedicata a S. Alessandro è preceduta dal rito della "pitë" che consiste nel taglio e trasporto in paese di un grosso abete.

Descrizione

La Festa della Pita di Alessandria del Carretto ricorda altre simili della zona lucana-calabrese, molto suggestiva e accattivante. Di cosa si tratta? L’ultima domenica di aprile, precedente alla festa religiosa di Sant’Alessandro, si svolge il taglio di un grosso abete e il trasporto di questo in paese effettuato a mano con una tecnica spettacolare che coinvolge tutti gli uomini; vi partecipano anche i ragazzi che sono addetti alle traviette, piccole travi di legno. Il trasporto viene accompagnato da canti, balli, mortaretti, pranzo a base di prodotti tipici e ovviamente vino locale. La sera si arriva finalmente con il “prezioso” carico in centro, nella piazzetta S. Vincenzo. Il 2 maggio, al suono della campanella della cappella di San Vincenzo, i volontari si riuniscono per pulire l’abete, levigarne il fusto, strofinarlo con grasso animale. Il 3 maggio, al suono di organetti e ciaramelle, l’albero viene drizzato e allestito con i premi per coloro che riusciranno a salirvi l’indomani. La “pite” è finalmente pronta, fermata con corde, puntelli e pietre, segue la messa e dunque la processione. Il pomeriggio iniziano i tentativi di salita: tutti con il naso all’insù ad osservare i tentativi, le acrobazie e i capitomboli degli arrampicatori..solo pochi arrivano fino a 18 metri di altezza e si accaparrano gli agognati premi. A questo punto l’abete viene tirato giù seguito dall’applauso della folla. I presenti staccano un rametto con foglie a ricordo di Sant’Alessandro e della cittadina di Alessandria del Carretto e della festa della Pita. di Chiara Zirino

Lascia un commento

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Pin It on Pinterest

Shares
Share This