La grande kermesse romana vedrà migliaia di figuranti attraversare con passo solenne il maestoso Arco d'Augusto, per celebrarne i 2000 anni di storia con grandiosi allestimenti e scenografie.

Descrizione

Un salto indietro nel tempo di duemila anni che farà rivivere, per una settimana, gli usi e i costumi dell’antica Roma. Il centro storico della città sarà diviso in aree tematiche, cui si accederà da quattro porte o portali, ognuna dedicata ad una divinità e dai suoi simboli e riconoscibile attraverso colori specifici: rosso, per la porta dell’ebbrezza dedicata al dio Bacco; verde, per la porta delle stagioni dedicata alla dea Cerere; azzurro, per la porta del mare dedicata al dio Nettuno; arancio, oro e bianco, per la porta del mercato dedicata a Mercurio. Protagonista, mercoledì 11 luglio, la Colonia Iulia Fanestris che allestirà, per turisti e fanesi, lo scenografico accampamento romano al Pincio, nei giardini Roma e in via delle Rimembranze, illuminato da fiaccole e torce. Insieme ai figuranti vestiti con i tipici costumi sarà possibile intraprendere un “Viaggio nel tempo” per conoscere la vita del legionario, a cura della II Legio Augusta della Colonia, e le tecniche e tattiche di combattimento dell’esercito romano, la vita quotidiana e la formazione del popolo celtico a cura dell’associazione “Teuta Senonen Pisaurenses” di Pesaro. A introdurre la serata sarà la conferenza “Fanum Fortunae: la Flaminia e la battaglia del Metauro” del professor Mario Luni, archeologo, direttore della missione archeologica a Cirene, in programma alle ore 21.15, nella sala conferenza Ipogeo della mediateca “Memo” Montanari. A lui il compito di approfondire le fasi della battaglia combattuta nel 207 a.C. tra romani e cartaginesi, in un punto non ben precisato del basso o del medio Metauro. Dalle ore 22, nell’area dell’Arco d’Augusto, si svolgerà il primo degli eventi di spettacolo proposti dalla Colonia Iulia Fanestris: i “Ludi Scaenici”. Davanti alla statua di Cesare Ottaviano Augusto che sarà invocato per chiedere la benedizione per la “Fano dei Cesari 2012” si svolgerà uno spettacolo che coinvolgerà diversi artisti. A partire dal coreografo e ballerino Matteo Diamantini della New Latin Academy, contornato dalle 9 muse simbolo delle arti romane fino a Giulia Vassapollo e la sua arpa celtica, simbolo di potere e della sottomissione di altri popoli all’impero romano, passando per le dande orientali proposte da Yulia Shuvakina. A ricostruire la favola di Fedro “Il Lupo e l’Agnello” saranno gli attori della Colonia Filippo Tranquilli e Giancarlo Grossi.

Informazioni

Comune di Fano Assessorato al Turismo Tel. 0721.887617 info@turismofano.com Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Piazza XX Settembre Tel: 0721.887523 Fax: 0721.887522

Lascia un commento

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Pin It on Pinterest

Shares
Share This