Il Rito dei Vattienti

Rito che ha il fine di celebrare la flagellazione e la morte che Cristo subì per offrire a tutti la resurrezione.

Descrizione

Ogni anno a Nocera Terinese, un paesino nella provincia di Catanzaro, a pochi chilometri dalla costa tirrenica, la sera del Venerdì Santo e il Sabato Santo si svolge il rito dei Vattienti. Questa tradizione dei Vattienti trae la sua origine dalla pratica dell’autoflagellazione che si diffuse a partire dal Medioevo e che ebbe essenzialmente una funzione religiosa, ossia una funzione di penitenza e di espiazione dei peccati. Il rito dei Vattienti che si svolge a Nocera ha il fine di celebrare la flagellazione e la morte che Cristo subì per offrire a tutti la resurrezione. Durante il rito, Cristo viene rappresentato da due persone: il Cristo flagellato, ricoperto di piaghe e sangue, è rappresentato dal Vattiente, mentre il Cristo che, dopo la flagellazione, viene portato da Pilato dinanzi al popolo per essere giudicato, è rappresentato dall’Ecce Homo (in dialetto detto Acciomu). Espressione della unicità della rappresentazione della figura di Cristo è la cordicella con la quale l’Ecce Homo è legato al vattiente. Il rito dei vattienti non è importante solo per chi lo pratica, ma per tutta la popolazione nocerese che vi assiste ogni anno sempre con la stessa partecipazione e lo stesso entusiasmo.

Informazioni

Non possediamo informazioni di contatto

Lascia un commento

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Pin It on Pinterest

Shares
Share This